L’UOMO CHE METTEVA IN ORDINE IL MONDO – FREDRIK BACKMAN

Categorie Narrativa straniera, Recensioni

Si chiama Ove, ha cinquantanove anni, da pochi mesi è stato costretto ad andare in pensione ed è rimasto vedovo, solo e arrabbiato col mondo.

Guida una Saab con cambio manuale e proprio non capisce chi possiede le Audi e quelle stupide macchine giapponesi, che sono solo mostri computerizzati.

Ogni giorno, di primo mattino, esce per ispezionare il quartiere e verificare che tutto sia in ordine. Se nota qualcosa fuori posto, che siano biciclette non riposte nell’apposito locale, rifiuti differenziati in modo errato, o automobili parcheggiate senza permesso negli stalli riservati agli ospiti del comprensorio, inizia una sequela di lamentele e segnalazioni a chi di dovere.

Quando si reca nei negozi ha sempre qualcosa da ridire: sui prezzi, sulla merce, sui commessi…

Insomma, è il classico rompiscatole, brontolone e odioso.

Poi nella sua vita arrivano un gatto randagio (un “disgraziato”, lo definisce, mezzo spelacchiato, con la coda mozza e un solo orecchio) e soprattutto dei nuovi vicini di casa: una famiglia multietnica composta da Patrick, il marito piuttosto imbranato, da Parvaneh, la moglie iraniana e “molto incinta” e da due bimbe di sette e tre anni… e tutto per lui cambierà.

Il romanzo alterna gli episodi esilaranti che Ove è costretto a subire a causa dei vicini di casa e le esperienze che ha vissuto in passato e, mentre ripercorriamo la sua vita, il protagonista comincia a mostrare anche il suo lato umano e non sembra più così odioso. Si scopre che nel passato ha sofferto molto e che anche lui ha voluto bene a qualcuno e ha sofferto molto. E senza quasi rendersene conto, ci si affeziona a quell’omone burbero, tanto che si vorrebbe stringerlo in un abbraccio (anche se lui sicuramente non gradirebbe).

È un libro che fa sorridere e commuovere; che parla di amicizia, di affetto e della paura di invecchiare.

Una storia dolcissima sulla capacità che alcune persone hanno di tirare fuori la parte migliore degli altri, guardando nel loro cuore e rompendo la corazza che si costruiscono per difendersi dal dolore.

Serena Monteverdi

L’UOMO CHE METTEVA IN ORDINE IL MONDO – Fredrik Backman (2018, Mondadori Editore – Oscar Bestsellers, 322 p., traduzione italiana di Anna Airoldi)

VOTO