DOPO LE FIAMME – FERNANDO ARAMBURU

Categorie Narrativa, Narrativa straniera

Dopo il successo di Patria, Guanda ha ripubblicato questa raccolta di racconti scritti da Fernando Aramburu nel 2006, che ha come sfondo sempre la storia dei Paesi Baschi e dell’Eta, con il proprio carico di dolore, rabbia, sofferenza, umiliazioni e fragilità che gravano sulla vita dei vari personaggi. Traspare con forza l’intento di mostrare, attraverso storie che sono sempre intime e domestiche, le vittime collaterali della violenza, quelle che hanno subìto loro malgrado i danni dell’odio e la cui esistenza sembra sospesa e senza futuro, anche se spesso poi emerge un filo di luce nelle vicende raccontate, come a gettare un seme di speranza sul futuro da cui è possibile ricostruire la propria esistenza, ritrovando o alla ricerca di quella pace tanto anelata.

È un libro da leggere quasi meditandolo, che fa riflettere su tutte le brutture della storia, di cui le guerre e il terrorismo sono una tra le facce più crudeli. Scritto con una lingua asciutta ma che non tralascia di descrivere alcuna emozione, senza la preoccupazione di dividere i buoni dai cattivi, ma sempre con una profonda compassione per quanto il destino chiama ciascuno a vivere.

Una ragazza che dopo sei mesi esce dall’ospedale invalida, vittima casuale di una bomba piazzata davanti a una banca, e il dolore silenzioso e impotente di suo padre; una donna che cerca in tutti i modi di resistere alle pressioni della comunità che vorrebbe espellerla, perché le hanno assassinato il marito e la sua presenza è diventata per tutti motivo di disagio; un vecchio accusato di collaborazionismo che vive in una condizione di insopportabile angoscia; la visita di una madre al figlio detenuto in un carcere di massima sicurezza, e la loro difficoltà di capirsi fino in fondo. Con grande empatia per questa umanità dolente, la penna magistrale di Fernando Aramburu ci consegna un libro in cui la libertà dei protagonisti è sempre di fronte a una scelta: far tacere il proprio male, il dolore, l’insoddisfazione in cui le circostanze della vita ci fanno precipitare oppure dar credito a quel desiderio di bene e di felicità che è inestirpabile, impossibile da mettere a tacere, e che nell’imbattersi in uno sguardo pieno di tenerezza e di umanità alla nostra vita ci fa rinascere, come accade al protagonista del bellissimo racconto centrale Relazione da Creta.

Andrea Salini

 

DOPO LE FIAMME – Fernando Aramburu (2019, Milano, pagine 256).

VOTO