IT non è un libro horror. Anche se tanti, se non tutti, pensano il contrario. Reso famoso dal film/serie tv anni ’90, e dal recente remake cinematografico, questo libro – e il pagliaccio assassino dal quale prende il nome – è subito diventato l’esempio del “racconto di paura” partorito dalla creatività di Stephen King. Non è così. Lungi da me sostenere che non ci siano, nelle mille pagine e più nelle quali la storia si sviluppa, scene di violenza, spaventose e inquietanti. Ma, almeno quantitativamente,…Continua a leggere “IT – STEPHEN KING”

Dai più riconosciuto come il capolavoro di McCharty, Meridiano di sangue è un’epica avventura al confine tra Stati Uniti e Messico, ambientata attorno alla metà dell’ottocento. Epica, perché richiama i toni – e le atmosfere – del mito classico, pur trasportandole tra cowboy e apache: al centro sta infatti un ciclo di violenza senza fine, non esaltata in sé stessa, ma senza un fine e uno scopo riconosciuto, che richiama e ricorda gli scontri con l’ineluttabile destino e le forze cosmiche proprie dell’epos greco. La…Continua a leggere “MERIDIANO DI SANGUE – CORMAC MCCHARTHY”

Nel febbraio del 1945 l’aviazione alleata lascia cadere su Dresda 3.950 tonnellate di bombe, esplosive ed incendiarie, in soli tre giorni. La città viene completamente rasa al suolo. Un primo bilancio delle vittime parla di 135.000 morti. Stime più recenti si fermano a 35.000. La città tedesca, che non era un bersaglio militare né era di alcuna importanza strategica, è stata per tre giorni un inferno di fiamme e distruzione. Kurt Vonnegut c’era, soldato americano catturato dai tedeschi solo qualche mese prima. Per sfuggire all’inferno,…Continua a leggere “MATTATOIO N. 5 O LA CROCIATA DEI BAMBINI – KURT VONNEGUT”

Si potrebbe parlare all’infinito di questo libro, scritto da David Foster Wallace quando aveva 27 anni. È costituito da 9 racconti, assolutamente diversi (per stile e per contenuto) tra di loro. Se ne potrebbe parlare all’infinito perché è stato più volte riconosciuto come il manifesto stilistico dell’autore, e perché nei suoi racconti si ritrovano tanti dei temi che lo accompagneranno negli anni a seguire, fino al tragico suicido del 2008, a 46 anni. Di David Foster Wallace, e delle sue opere, si è infatti parlato…Continua a leggere “LA RAGAZZA DAI CAPELLI STRANI – DAVID FOSTER WALLACE”

Frank e April Wheeler vivono alla periferia di una grande città americana, in un sobborgo residenziale, precisamente in Revolutionary Road. A differenza però del loro indirizzo di residenza, nella loro vita di rivoluzionario c’è ben poco. Lui lavoro in una grande azienda in città, nella quale ammazza il tempo 8 ore al giorno. Lei invece fa la casalinga e cura i loro due bambini. I coniugi Wheeler sanno di meritarsi ben altro che una vita da borghesi di provincia: sognano l’Europa, la cultura, lo stile,…Continua a leggere “REVOLUTIONARY ROAD – RICHARD YATES”

Capita spesso di pensare a come le cose sarebbero andate se quel particolare fatto non fosse accaduto, o se solo fosse accaduto diversamente. Se non avessimo conosciuto quella persona, se non avessimo fatto quella scelta. Pensiamo poi alla storia. Ad esempio, la seconda guerra mondiale. E se lo sbarco in Normandia fosse fallito? E se l’attentato a Hitler avesse avuto successo? E poi, la guerra fredda: e se fosse degenerata in uno scontro nucleare su scala mondiale? Come sarebbe il mondo, oggi? Stephen King si…Continua a leggere “22/11/63 – STEPHEN KING”

Nel film Stalker (1979) di Tarkovsky in una località – ignota, misteriosa – è accaduto qualcosa (si immagina un esperimento fallito, o qualcosa di simile) che ha fatto sì che l’esercito la delimitasse e controllasse, con l’esplicito ordine di non far entrare nessuno. Questa località – chiamata “la zona” – è un insieme di edifici abbandonati in mezzo alla natura che invade anche le stesse strutture e cresce rigogliosa e libera. Ma cosa c’è, nella zona, di così incredibile che suscita il desiderio di molti,…Continua a leggere “ANNIENTAMENTO – JEFF VANDERMEER”

I campi coltivati dell’Oklahoma, le sue distese pianeggianti. Il bue e l’aratro. La casa in cui sei nato, in cui sei cresciuto, in cui vive la tua famiglia. Tua moglie che ti aspetta, la sera, sotto la veranda. Il passare delle stagioni – tutto ciò che conosci. Non c’è più differenza tra te e la terra che abiti: la tua famiglia è la tua terra. Poi un giorno qualcosa inizia a cambiare. Il terreno che coltivavi diventa di una banca, e la banca comincia a…Continua a leggere “FURORE – John Steinbeck”

La spiaggia, il sole del pomeriggio, i pescatori, il mare. Questi gli elementi che compongono il panorama di Erri De Luca, che racconta di una sua estate da ragazzino, nella Napoli del secondo dopo guerra. E soprattutto, racconta quando e come è diventato grande: amando. Ragazzo solitario, appassionato di lettura e enigmistica, Erri ama il mare e passar il tempo con gli anziani pescatori, che nel loro silenzio sembrano nascondere il segreto della vita. Un giorno su quella spiaggia incontra una ragazza: da lì, da…Continua a leggere “I PESCI NON CHIUDONO GLI OCCHI – Erri De Luca”

C’è una sensazione che accompagna la lettura di questo romanzo di Murakami, ritenuto il suo capolavoro: tristezza. È triste la vita del protagonista, Watanabe, giovane studente dell’università di Tokyo. È triste la vita della gente attorno a lui: dei suoi amici, delle due ragazze di cui si innamora. È una tristezza dovuta a una solitudine profonda, inestirpabile, che silenziosamente accompagna e avvolge i protagonisti di Tokyo Blues. La vita sembra appannata, procede stancamente, senza qualcosa che riesca davvero a smuovere il torpore, ad accendere una…Continua a leggere “TOKYO BLUES (NORWEGIAN WOOD) – Hakira Murakami”

1 2 3